• Consumabili esausti: quali obblighi per i produttori di rifiuti?

    Obblighi di legge per tutti i titolari di partita iva

    I consumabili per la stampa (toner e cartucce) dismessi da attività economiche, esercitata da un’impresa, da un ente o da un libero professionista, giuridicamente si qualificano come “rifiuti speciali” e devono essere avviati al recupero o allo smaltimento a responsabilità dello stesso produttore degli scarti.

    Essendo “rifiuti speciali non pericolosi” non possono essere buttati nei normali cassonetti ma, devono essere gestiti da operatori autorizzati.

    Questo significa che le cartucce esauste provenienti da un’impresa, un ente o un professionista non possono essere prese in carico dal servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani perché in nessun caso il regolamento comunale può disporre l’assimilazione, ossia la trasformazione da rifiuto speciale in urbano, di ciò che per legge non è assimilabile.

    Hai bisogno di maggiori informazioni!? Contattaci!

Comments are closed.